Shot Detox L-Glutatione - RACER Integratori Alimentari HIGH TECH Made in ITALY

Vai ai contenuti

Menu principale:

Prodotti
Setria®is a registered trademark of KYOWA HAKKO BIO CO., LTD.

001SHOTDETOX RACER 8055731471003

SHOT DETOX SETRIA 20 stick 1,2 g orosolubili Gusto Amarena
250 mg di L-Glutatione - Peso netto 24g
Previene i crampi preso a metà gara
Attiva il recupero utilizzandolo subito dopo.
- scadenza 10/2020

Disponibilità immediata
28,00 € Aggiungi

010SHOTDETOX RACER 8055731471004

confezione BOX da 10 pezzi di
SHOT DETOX SETRIA 20 stick 1,2 g orosolubili Gusto Amarena
250 mg di L-Glutatione - Peso netto 24g

Disponibilità immediata
280,00 € Aggiungi

SHOT DETOX L-GLUTATIONE AGF RACER KYOWA Orosolubile
L-GLUTATIONE
Il Glutatione detossifica l'organismo, migliora la biodisponibilità del ferro, mantiene l'integrità e protegge nel flusso sanguigno i globuli rossi ed i globuli bianchi
Il glutatione (l-glutatione o gamma-glutamilcisteinilglicina) è il più potente ed importante fra gli antiossidanti prodotti dall’organismo.
Ci sono oltre 25 mila studi medici pubblicati.
Combatte l’invecchiamento attraverso 2 vie principali : l’intestino ed il sistema circolatorio.
Protegge le cellule, i tessuti e gli organi del corpo riuscendo a mantenerlo giovane.
Il tripeptide (combinazione di tre aminoacidi) glutatione è quasi "sconosciuto" alla medicina ufficiale, per lo meno non viene utilizzato per le sue eccezionali proprietà!
Diverse le documentazioni inviate in visione alle commissioni mediche e ministeriali per prendere atto dell'importanza di utilizzare il glutatione nel trattamento di diverse malattie !
Il glutatione è una combinazione dei tre aminoacidi (tripeptide) cisteina, acido glutammico e glicina.
E' un potente antiossidante, cioè un disattivatore di radicali liberi con una spiccata azione anti-invecchiamento.
Il glutatione insieme con il selenio, forma l'enzima glutatione perossidasi che ha sempre una funzione antiossidante, ma a livello intracellulare.
Il glutatione ha inoltre una grande capacità disintossicante: grazie alla sua facoltà di chelare (chelaggio = capacità di un elemento di legarsi ad un'altro) i metalli pesanti e tossici quali piombo, cadmio, mercurio ed alluminio li trasporta via eliminandoli dal corpo.
In alcuni studi fatti sugli animali è stata dimostrata un'azione antitumorale del l-glutatione.
Il glutatione aiuta il fegato a disintossicarsi ed a prevenire possibili danni causati dall'eccessivo consumo di alcool.
E' più efficace della vitamina C nel migliorare l'utilizzo e la biodisponibilità del ferro, neutralizzando gli effetti tossici di alcuni agenti esogeni come i nitriti, nitrati, clorati, derivati del benzolo, derivati del toluolo, anilina etc.
Questi elementi danneggiano l'organismo con un meccanismo insidioso: producono un'ossidazione del ferro trasformandolo dalla sua naturale forma ferrica (Fe3+) nella forma ferrosa (Fe2+) rendendo così il sangue incapace di trasportare l'ossigeno, causando inoltre un aumento della metaemoglobina (dal 1/2% fino ad un livello a volte mortale del 20/30%). Il processo di compromissione dell'emoglobina porta ad una sindrome ipossica che causa la morte di tutte le cellule per asfissia, compresi i linfociti T4 (vedi sindromi da immuno deficenza, AIDS, ect.).
Inoltre, il glutatione migliora l'utilizzo degli aminoacidi cisteina e cistina, ed infine inibisce in tutto o in parte i dannosi effetti collaterali dovuti ad un'esposizione ad alte dosi di radiazioni, chemioterapia e raggi X.
Elimina i radicali liberi che si formano dalla perossidazione dei lipidi che, causando la rottura di certe membrane, hanno un impatto negativo su DNA ed RNA e di conseguenza determinano distorsioni cellulari e disfunzioni biochimiche.
Il glutatione impedisce inoltre che i radicali liberi si leghino alle proteine fibrose del corpo, evitando così l'indurimento e il restringimento del collagene (e quindi rughe, mancanza di elasticità nelle arterie etc.).
Per questo motivo il glutatione mantiene sano e "giovane" il sistema circolatorio.
Quanto al sistema immunitario, il glutatione è strettamente legato all'attività fagocitica di specifiche cellule polmonari.
Protegge dagli eventuali effetti dannosi del fumo, insieme ad altri antiossidanti.
Protegge il sistema immunitario : quando passano gli anni il livello del gluatione presente nel nostro organismo diminuisce. Aumentando il livello del glutatione possiamo ringiovanire il sistema immunitario.

Aiuta a bloccare la diffusione del virus dell’Aids : il glutatione ha un potere così forte che secondo diversi studiosi riesce a bloccare la diffusione del virus dell’Aids per circa 90% (American journal of clinical Nutrition).

Neutralizza i grassi pericolosi : Il glutatione riesce a purificare gli alimenti che sono ricchi di pericolosi grassi ossidati. (University of Louisiana-U.S.).

Inibisce i dannosi effetti collaterali dovuti ad un’esposizione ad alte dosi di radiazione, chemioterapia e raggi X.

Agisce positivamente sulla diabete.

Previene la degenerazione maculare.

DOSI
25-30 milligrammi al giorno sono sufficienti per disintossicare dai grassi pericolosi presenti negli alimenti.

TOSSICITA’
Anche assumendo migliaia di milligrammi al giorno non si sono mai dimostrati effetti collaterali, o tossici.

ALIMENTI RICCHI DI GLUTATIONE
Avocado, cocomero, asparagi, pompelmo, patate, fragole, pomodori, arance, melone, carote, spinaci, pesche.
 
Quando cuociamo o riscaldiamo le verdure o la frutta il glutatione presenti in questi alimenti viene completamente distrutto.
La NAC o N-acetilcisteina è un precursore del Glutatione in quanto viene utilizzata dall'organismo per ricavarne Cisteina.  
La Glicina è un aminoacido presente in vari alimenti: è abbondante nel latte e nelle uova (246 mg glicina in un uovo di circa 60 gr.)  
L'integrazione di NAC è utile all'organismo per la sintesi del Glutatione.

Bibliografia
1) Sohal R.S., Allen R.G.: Relationship between oxygen metabolism, aging and development. Adv. Free radical. BIOL. Med.; 2, 117-160, 1986.
2) Vertechy M., Coper M.B., Ghirardi O., Ramacci M.T.: Antioxidant enzyme activities in heart and skeletal muscle of rats of different ages. Exp. Gerontol.; 24, 211-218, 1989.
3) Rikans L.E., Moore D.R.: Effect of aging on aqueous-phase antioxidants in tissue of male Fischer rats. Biochem. Biophys. Acta; 966, 269-275, 1988.
4) Hazelton G.A., Lang C.A.: Glutathione contents of tissue in the aging mouse. Biochem. J.; 188, 25-30, 1980.
5) Stohs S.J., Lawson Y., AI-Turk W.A.: Changes in glutathione and glutathione metabolising enzymes in erythrocytes and lymphocytes of mice as a function of age. Gen Pharmacol., 15, 1984.
6) Ravindranath V., Shivakumar B.R., Anandatheer-Tavarada H.K.: Low glutathione levels in brain regions of aged rats. Neurosci Lett.101, 187-190, 1989.
7) Vega J.A., Cavallotti C., Collier W.L., De Vincentiis G., Rossodivita I., Amenta F.: Changes in glutathione content and localization in rat heart as a function of age mechanisms of ageing and deve-lopment 64, 37-48, 1992.
8) T.P.M., Akeboom H.: Sies assay of glutathione, glutathione disulphide and glutathione mixed disulphide in biological sample in W. B. Jacoky (ed.), Methods in Enzymology, Vol. 77 Acc. Press. New York, pag. 373-382, 1981.
9) Silvka A., Mytilineou C., Cohen G.: Histochemical evalution of glutathione in brain. Brain Res.; 409, 275-284, 1987.
10) Hopkins F.G.: Polipeptides, 1921.
11) Meister A., Anderson M.E.: Gluta-thione. Annu. Rev. Biochem.; 52, 711-760, 1983.
12) McIntyre T.M., Curthoys N.P.: The interorgan metabolism of glutathione. Int. J. Biochem., 12, 545-551, 1980.
13) Dormandy T.L.: An approach to free radicals. Lancet, 29, 1010-1014, 1983.
14) Harman D.: The free radical theory of aging. In W.A. Pryor(ed.), Free Radicals in Biology, Vol.6, Academic Press, New York, pp.255-275, 1982.
15) Kaplowitz N., T.K. Aw and M. Ooktens: The regulation of hepatic glutathione., Annu. Rev. Pharmacol. Toxicol., 25, 715-744, 1985.
16) Chaudiere, J. and Tappel, A.L. (1983). Purification and characterization of selenium-glutathione peroxidase from hamster liver Arch. Biochem. Bophys. 226: 448–457.
17) Grossmann, A. and Wendel, A. (1983). Non-reactivity of the selenoenzyme glutathione peroxidase with enzymatically hydroperoxidized phospholipids Eur. J. Biochem. 135: 549–552.
18) Nakamura, W., Hosoda, S. and Hayashi, K. (1974). Purification and properties of rat liver glutathione peroxidase Biochim. Biophys. Acta 358: 251–261.
19) Roum JH et al. Glutathione aerosol suppresses lung epithelial surface inflammatory cell-derived oxidants in cystic fibrosis. J Appl Phisiol 1999;87:438-443 2. Griese M, et al. Improvement of alveolar glutathione and lung function but not oxidative state in cystic fibrosis. Am J Respir Crit Care Med 2004;169:822-828 3. Bishop c, et al. A pilot study of the effect of inhaled buffered reduced glutathione on the clinica status of patients with cystic fibrosis. Chest 2005;127:308-17 4. Artl D, et al. Inhaled glutathione decreases PGE2 and increase lymphocytes in cystic fibrosis lungs. Free Radic Biol Med 2005;39:463-72 5. Day BJ. Glutathione. A radical treatment for cystic fibrosis lung disease? Chest 2005;127:12-14 6. Hudson VM. New insights in the pathogenesis of cystic fibrosis: pivoial role of glutathione system dysfunction and implications for therapy. Treat Respir Med 2004;3:353-63 7. Battistoni A (Università Tor Vergata, Roma). Ruolo protettivo di lattoferrina e antiossidanti (glutathione) nei confronti delle infezioni in CF. Progetto FFF #15/2006 www.fibrosicisticaricerca.it 8. Pompella A (Università di Pisa). Danno infiammatorio cronico in FC... Progetto FFC #11/2005 www.fibrosicisticaricerca.it 9. Zaman K, et al. A novel class of compounds that increase CFTR expression and maturation in epithelial cells. Mol Pharmacol 2006; epub doi:10.1124/mol.106.023242 10. Tirouvanzian R, et al. High-dose oral N-acetylcysteine, a glutathione prodrug, modulates inflammation in cystic fibrosis. Proc Natl Acad Sci USA 2006;103:4628-33 (Epub Mar 13)

Il Glutatione detossifica l'organismo, migliora la biodisponibilità del ferro, mantiene l'integrità e protegge nel flusso sanguigno i globuli rossi ed i globuli bianchi.


Glutatione, biodisponibilità e benefici terapeutici
Nonostante le evidenze cliniche incoraggianti, esistono oggi diversi dubbi, soprattutto di natura farmacocinetica, relativi alla reale utilità dell'integrazione con glutatione. Dubbi legati alla sua modalità di somministrazione.
Recente letteratura ha però evidenziato come formulazoni di glutatione ridotto (L-glutatione) veicolati per via sub-linguale consentono il raggiungimento di livelli terapeuticamente efficaci.
Questa la ragione per cui A.M.I.A. ha dato il suo endorsment al prodotto distribuito in Italia da Racer (www.racerstore.it) e clinicamente testato come biodisponibilità nei laboratori KyowaHakkoBio.
Il glutatione o GSH è un tripeptide con proprietà antiossidanti costituito da cisteina e glicina, legate da un normale legame peptidico, e glutammato che invece è legato alla cisteina con un legame peptidico atipico tra il gruppo carbossilico della catena laterale del glutammato ed il gruppo amminico della cisteina.
E’ un cofattore della glutatione-perossidasi (GPX), che le consente di svolgere la sua azione antiossidante. Inoltre ha un’azione disntosicante, pro-immunitaria, protettiva nei riguardi del SNC.
Il glutatione è un forte antiossidante, sicuramente uno dei più importanti tra quelli che l'organismo è in grado di produrre. Rilevante è la sua azione sia contro i radicali liberi o molecole come perossido di idrogeno, nitriti, nitrati, benzoati e altre.
Presente nell'organismo in forma ubiquitaria, il glutatione è particolarmente concentrato a livello epatico, dove protegge gli epatociti da molecole particolarmente tossiche (esempio: gli xenobiotici).
Elemento importante per il suo funzionamento è il NADPH. Tale molecola è un derivato della vitamina PP (acido nicotinico) e funziona da cofattore ossido-riduttivo dell'enzima glutatione reduttasi (o GSR). L'enzima rigenera il glutatione ossidato (o GSSG) attraverso gli elettroni ceduti dal NADPH, che vengono trasferiti sul GSSG rigenerando questo a glutatione ridotto (o GSH).
Nelle cellule in buono stato di salute il rapporto tra glutatione ridotto e glutatione ossidato si mantiene intorno a 9:1; una sua diminuzione è considerata indice di stress ossidativo.
Per info: 335-6694093 www.racerstore.it

Bibliografia in breve
edoxBiol. 2015 Dec;6:198-205.
Effects of N-acetylcysteine, oralglutathione (GSH) and a novelsublingualform of GSH on oxidative stress markers: A comparative crossover study.
Schmitt B1, Vicenzi M2, Garrel C3, Denis FM4.
Abstract
Glutathione (GSH) iscritical to fightagainstoxidative stress. Itsverylowbioavailabilitylimits the interest of a supplementation. The purpose of thisstudywas to compare the bioavailability, the effect on oxidative stress markers and the safety of a new sublingualform of GSH with twocommonlyuseddietarysupplements, N-acetylcysteine (NAC) and oralGSH. The studywas a three-week randomized crossover trial. 20 Volunteerswithmetabolicsyndromewereenrolled. GSH levels and severaloxidative stress markersweredeterminedatdifferenttimesduringeach 21-days period. Compared to oral GSH group, an increase of total and reduced GSH levels in plasma and a higher GSH/GSSG ratio (p=0.003) wasobserved in sublingual GSH group. After3 weeks of administration, therewas a significantincrease of vitamin E level in plasma only in sublingual GSH group (0.83 µmol/g; p=0.04). Ourresultsdemonstrate the superiority of a new sublingualform of GSH over the oral GSH form and NAC in terms of GSH supplementation.

Eur J ClinNutr. 2017 Aug 30.
Oralsupplementationwithliposomalglutathioneelevates body stores of glutathione and markers of immune function.
Sinha R1, Sinha I1, Calcagnotto A2, Trushin N2, Haley JS3, Schell TD3, Richie JP Jr2.

Eur J Nutr. 2015 Mar;54(2):251-63. Randomizedcontrolled trial oforalglutathionesupplementation on body stores of glutathione.
Richie JP Jr1, Nichenametla S, Neidig W, Calcagnotto A, Haley JS, Schell TD, Muscat JE.

ClinCosmetInvestigDermatol. 2017 Apr 27;10:147-153.
Glutathione and itsantiagingandantimelanogeniceffects.
Weschawalit S1, Thongthip S2, Phutrakool P3, Asawanonda P1.
Alessandro Petacchi
Elia Favilli
Ramon Carretero

Consigli d’uso SHOT DETOX GLUTATIONE KYOWA
Utilizzare una bustina orosolubile sciolta direttamente in bocca senz’acqua al termine di allenamenti intensi o gare, per predisporre l’organismo al Recupero e sostenere gli altri Integratori utilizzati a tale scopo.
Durante allenamenti intensi o prestazioni prolungate è possibile utilizzare una bustina di SHOT DETOX orosolubile già a metà dell’Attività.

 
Marchio di accettazione
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu